Nuovo Museo 2.0

vortex tunnel

La visita consiste nella sperimentazione in prima persona di più di 40 postazioni interattive che mostrano fenomeni ed esperimenti scientifici.

Osservare, toccare, ragionare: ecco come ci si muove lungo un percorso conoscitivo distinto per discipline.

Nove sale per altrettante tematiche suddivise tra percezione, fisica, matematica, scienze della terra, scienze della vita e esposizioni temporanee. Nella sala della percezione si trovano exhibit sul funzionamento dei nostri sensi e sulle illusioni percettive. Le sale della fisica comprendono esperimenti sulla luce, sulle onde, sulla dinamica e sull'elettromagnetismo. La sala della matematica contiene postazioni che toccano varie aree: algebra, geometria, statistica, teoria del caos. Le nuove sale di Scienza della terra e Scienze della vita, inaugurate nel 2016, completano il panorama scientifico a disposizione dei visitatori.

L'esplorazione delle sale è autonoma. L'assenza di una guida può creare disorientamento in un primo momento, sentimento che lascia subito spazio alla voglia di esplorare, qualità innata dell'essere umano. La curiosità è l'unica guida che spinge i visitatori a scoprire non solo cosa ci sia nelle varie sale, ma anche a capire come funzionano gli esperimenti presenti. Ogni postazione è corredata di una didascalia bilingue (italiano - inglese) che dà una mano in caso di difficoltà e aiuta a completare la conoscenza della scienza che si nasconde dietro agli exhibit.

La visita dura in media 2 ore, anche se è un tempo puramente indicativo data la modalità di svolgimento.

Puoi consultare l'elenco degli exhibit con un approfondimento sui contenuti.